9 Gennaio 2018

No al doping: allenati in sicurezza

Come rivela un recente sondaggio dell’ISTAT, tra il 2013 e il 2016 è sensibilmente aumentato il numero di persone che dichiarano di praticare sport in maniera continuativa: in media, oltre il 30% della popolazione italiana svolge un’attività fisica nel tempo libero.

L’attività fisica, oltre ad avere evidenti effetti positivi sull’organismo, è in grado di fornire benefici a livello mentale. Inoltre il movimento aiuta a rilassare le tensioni muscolari, favorendo il sonno, e promuovendo il rilascio di endorfine: la pratica sportiva può regalare piacere, gratificazione e felicità aiutando a sopportare meglio lo stress.

Negli ultimi anni è sempre più diffusa la cultura degli integratori, un vero e proprio stile di vita che influenza anche il tempo libero. Parallelamente a questo incremento, alcuni recenti sondaggi nell’ambito dello sport amatoriale rilevano la frequenza e la facilità con cui, purtroppo, si fa uso di sostanze dopanti; si tratta di una pratica dannosa e infelice, che mostra come si sia generata una confusione tra il gusto dello sport e il piacere di stare bene con la volontà di superare se stessi sempre, ad ogni costo.

Assistiamo a una battaglia tra la cultura del doping e la cultura del benessere. Il consiglio degli esperti, per non subirne gli effetti negativi, è di rivolgersi a specialisti competenti: nutrizionisti, dietologi dello sport o personal trainers preparati, che non propongano scorciatoie per migliorare le performance ma una strada che permetta innanzitutto di accrescere la propria consapevolezza.

Nulla ci sta più a cuore che tutelare la sicurezza dei nostri consumatori, e siamo orgogliosi di poter assicurare tutta la qualità dei prodotti LongLife garantendo l’assenza di sostanze dopanti proibite.

Muoviti bene, muoviti spesso, fallo senza pensieri coi prodotti LongLife!